Archivi del mese: agosto 2012

Felicità? Una conseguenza, non un obiettivo

“Non orientare in modo troppo deciso i tuoi pensieri e le tue azioni verso la felicità. La felicità non deve essere il tuo scopo, ma il sottoprodotto di una vita vissuta nella massima pienezza possibile.”

Armando Massarenti, il sole 24 ore, 12 maggio 2012

Ha ragione. Essere ossessionati da un obiettivo è il miglior modo per non raggiungerlo.

Lo Zen e la Felicità Lo Zen e la Felicità
130 perle di saggezza per trovare la felicità

Erik Pigani

Compralo su il Giardino dei Libri

Annunci

NIMBY colpisce ancora

Infila fuori dal canello e scuote la paletta con la spazzatura raccolta nel suo cortile. Ecco fatto. Liberato dallo sporco. La scena l’ho vista con la coda dell’occhio passando in macchina: una manifestazione semplice ma concreta di  NIMBY.

NIMBY è l’acronimo inglese di “Not in my backyard” non nel mio cortile. L’espressione è utilizzata per identificare il fenomento per cui pur essendo in linea di principio favorevoli allo sviluppo di infrastrutture non le si vogliono nelle proprie vicinanze.  Sviluppo e benefici sì, purché a spese di altri.

Più in generale il fenomeno fa da fondamenta ai pilastri della crisi attuale.

Guadagni facili a spese di altri, evasione fiscale, benefici a spese delle generazioni future,  vantaggi immediati a scapito di prosperità futura.

Questa è la lezione che ho appreso oggi: pensare (anche a fino egoistici) più a un “noi” e meno a sé.