Archivi tag: Amore

15/03/2009 domenica – Amare è un verbo

Faccio ciò che amo e amo ciò che faccio – parte II

 

Non siamo obbligati ad amare, scegliamo di amare.

Magari all’inizio ci capita di innamorarci di qualcuno o qualcosa, ma più passa il tempo più scegliamo di amare.

 

Stephen R. Covey esprime tutto ciò con la frase “Amare è un verbo”

“Fra noi non c’è più sentimento, cosa mi consigli?”

“Amala”

“Ma te l’ho detto, non c’è più sentimento”

“Amala”

“Ma allora non capisci, il sentimento non c’è più, è finito”

"Allora amala. Se il sentimento non c’è più questo è un buon motivo per amarla”

“Ma come si fa ad amare se non c’è più amore?”

“Amico mio, amare è un verbo. L’amore come sentimento, è un frutto del verbo amare. Perciò amala, ascoltala, empatizza, apprezzala, sostienila, te la senti di farlo?”

Stephen R. Covey

 

First Things First - Le prime cose al primo posto
First Things First – Le prime cose al primo posto

Stephen Covey
Dimmi di più…

 

Le Sette Regole per Avere Successo
Le Sette Regole per Avere Successo
Nuova edizione del bestseller "The 7 Habits of Highly Effective People"
Stephen R. Covey
Dimmi di più…

 

L'Ottava Regola
L’Ottava Regola
Dall’efficacia all’eccellenza
Stephen R. Covey
Dimmi di più…

Annunci

28/02/2008 giovedì – Preoccupazioni e amori

“Regola della Tata:

nella vita non serve mai preoccuparsi per noi, ma bisogna occuparsi di noi.”

 Lucia Rizzi Lucia Rizzi – Fate i bravi

Dalla tata più famosa d’Italia, regole e consigli per diventare genitori sereni e figli felici.

Tutto bene (vedi post di ieri), solo un’infezione virale, con qualche conseguenza che si risolverà in pochi giorni.

E’ giusto occuparsi delle cose che normalmente preoccupano. Occupandosene, agiamo e agendo siamo coscienti di stare facendo il possibile, e per il resto, per il resto possiamo solo accettare quello che ci accade e viverlo con il giusto atteggiamento mentale.

Cerco sempre di essere pronto a tutto, di non dare niente per scontato, così posso sorprendermi e meravigliarmi ogni volta che mi capita qualcosa di bello, anche se fa parte della routine, e non sono colto di sorpresa quando mi capita invece qualcosa di spiacevole, in qualche modo sono già pronto.

Per questo è importante dire spesso “ti amo” a chi ami, “ti voglio bene” a chi vuoi bene, “ti stimo” a chi stimi, grazie a chi ha contribuito, anche solo un po’, anche inconsapevolmente alla tua crescita.

Lella ti amo! Erica e Chiara vi voglio bene!

Grazie Lucia