Archivi tag: relazioni

9/09/2008 martedì – Metti un po’ di spezie nella coppia, la ricetta per una relazione felice

Già la formula “Gli uomini vengono da Marte e le donne da Venere” è stata un’intuizione geniale.

Adesso John Gray ha avuto un’altra efficacissima idea per comunicare con immediatezza le sue idee sulle relazioni fra uomini e donne.

La vita di coppia deve essere speziata. Ecco gli aromi (regole) per una relazione felice:

Pepe = sorpesa Spezza la routine con sorprese impreviste e sprizzi di fantasia

Cannella = relax Riserva un momento della giornata per stare tranquillo/a con il partner

Zafferano = comprensione Riconosci le ragioni dell’altro e il vero significato delle parole

Zenzero = complicità Sii comprensivo/a e complice anche quando le cose non riescono come dovrebbero

Cardamomo e coriandolo = emozioni sforzati di fare qualcosa di speciale insieme anche quando si è assorbiti dagli impegni

Gli Uomini Vengono da Marte le Donne da Venere e Sono Tutti sotto Stress Gli Uomini Vengono da Marte le Donne da Venere e Sono Tutti sotto Stress
Continuare ad amarsi quando la vita si complica
John GrayCompralo su il Giardino dei Libri
Libri di John Gray (offerta promozionale 4 libri) Libri di John Gray (offerta promozionale 4 libri)
Gli Uomini vengono da Marte le Donne da Venere + Gli Uomini vengono da Marte le Donne da Venere e sono tutti sotto stress + Marte e Venere si innamorano di nuovo + Marte e Venere si corteggiano
John GrayCompralo su il Giardino dei Libri

11/06/2008 mercoledì – Investimento in formazione: in quali ambiti?

Secondo una ricerca per il raggiungimento di posizioni sociali elevate contano più le origini sociali del titolo di studio.

Sono venuto a conoscenza della ricerca dall’articolo apparso sul Sole24Ore del 5/6/2008 “Il tempo della buona politica” di Antonio Schizzotto.

Perchè le origini sociali contano più del titolo di studio?  La ricerca indica che chi nasce in una famiglia con una posizione sociale elevata conosce i modi appropriati per interagire con gli altri e ha maggiori occasioni di accedere a relazioni che si rivelano utili, più utili delle competenze tecniche (Goldthorpe 2008).

Ciò dimostra quanto siano importanti le competenze relazionali e comunicative per il successo.

Ho già avuto modo di ricordare come il modo di comunicare prevale spesso sulla validità del contenuto. Nel senso che un contenuto valido se comunicato in modo indadeguato può non trovare lo stesso consenso e risonanza che avrebbe se trasmesso con enfasi e in modo da colpire l’immaginazione.

Se ti stai chiedendo in quali ambiti della formazione ti conviene investire per la tua crescita professionale qui c’è la risposta che cercavi: investi sulle capacità relazionali e comunicative e senz’altro aumenterai le tue possibilità di carriera.

 

Comunicazione

26/05/2008 lunedì – Relazioni, relazioni, relazioni: come è facile renderle difficili!

Relazioni, relazioni, relazioni: come è facile renderle difficili!

 

3/3/2008 lunedì – Creative communities: il piacere di condividere, esprimersi e creare relazioni

“C’è sempre un eroe….un individuo che interpreta un bisogno e propone una soluzione creativa. …

Gli “eroi” hanno una visione chiara che prelude a una transizione verso sistemi di vita più sostenibili.

….non ci troviamo di fronte a creativi di professione e neppure a specialisti investiti di un ruolo istituzionale. Sono perlopiù persone comuni che con un enorme dispendio di energia portano avanti i loro progetti.

…Lo spirito che li muove è….il piacere che traggono dalla comunità.

Per liberare la creatività … occorre… percepire una discordanza fra quello che si vuole dalla vita e il sistema sociale in cui si è inseriti.

L’analisi di queste comunità racconta come il benessere non è solo riconducibile al numero di oggetti di cui si dispone … conta il valore della relazione con le altre persone, la capacità di prendere l’iniziativa.

…quello che muove … non sono questioni di tornaconto economico. La capacità di avvicinare le persone intorno a una idea, di stimolare a lavorare insieme….

Il valore della creazione collettiva non si traduce solo in vantaggio economico. Ma anche e soprattutto nel fatto che contribuire a raggiungere un risultato ha un portato emozionale e sociale che giustifica la fatica e le difficoltà.

Come scrive lo psicologo Mihaly Csikszentmihaly diventare padroni della propria vita, rendersi autonomi realizzando qualche qualche cosa rappresentano fonti di benessere superiori a quelle del denaro.

Tuttavia … quando finisce la spinta motivazionale dell’eroe, le comunità si sciolgono. Ma ci sono anche casi in cui il progetto sopravvive e acquista una forma più solida. In entrambi i casi, ci troviamo di fronte a comunità felici, capaci di suscitare emozioni positive. E questo le rende per quanto effimere ugualmente bellissime.

http://lucatremolada.nova100.ilsole24ore.com/ (Luca Tremolada)

Anna Meroni, docente del Politecnico di Milano, curatrice della ricerca “Creative Communities”

La «buona vita». Per l'uso creativo degli oggetti nella società dell'abbondanzaPaolo Inghilleri, professore ordinario di Psicologia Sociale ed esponente della Psicologia Positiva “La buona vita”

Nòva24 del 21/2/2008 pagg. 8 – 9

Quando ho letto questo articolo mi sono emozionato. Mi sono emozionato perché non avrei trovato parole migliori per descrivere le motivazioni per cui ho creato IoManager e la rubrica Emozioni nel circuito PiùChePuoi.

Trarre piacere dal condividere, dall’esprimersi, dal creare relazioni, dall’aiutare, dall’ottenere risultati, piccoli o grandi che siano. Emozioni che giustificano la fatica, le difficoltà e gratificano più del denaro.

Oggi ho avuto conferma che il mio sogno è un sogno condiviso, analizzato e compreso.

Grazie Luca, Anna, Paolo